Psicologia dell’Infanzia e dell’Adolescenza

 

Nessun bambino può fare a meno della relazione con il genitore, o chi ne fa le veci: ne va della sua sopravvivenza, fisica e psicologica. E ha bisogno che tale relazione sia sufficientemente sicura e prevedibile. Quando non lo è, il bambino inconsapevolmente mette in atto comportamenti, che noi siamo abituati a leggere come “sintomi psicologici” di disagio, ma che in realtà sono tentativi di “curare” la relazione con il genitore, rendendola più prevedibile e controllabile, anche se carica a volte di sofferenza per entrambi. Tali difficoltà si possono affrontare con due modalità: fornendo al bambino lo spazio di racconto-gioco con lo Psicologo,  attraverso cui esplorare e bonificare l’idea di sé (ad es.: “sono degno di affetto o no? Sono forte o fragile?valgo o non valgo?”) e le rappresentazioni degli altri (ad es.: “sono disponibili o no a consolarmi? Mi aiuteranno o mi criticheranno? Gli altri sono pericolosi?”); il bambino verrà in tal modo accompagnato nello scoprire come esprimere e regolare le emozioni difficili (ansia, rabbia, tristezza). Oppure attraverso un lavoro con i genitori, chiamato parent training, che nasce dalla consapevolezza che il disagio del bambino spesso esprime una difficoltà di relazione con le figure di riferimento, e quindi aiutando tali figure a meglio comprendere cosa stia succedendo in quel momento di vita dal punto di vista del figlio/a. Favorendo l’esplorazione dei vissuti dei genitori, spesso non facili da gestire in certi momenti, si può favorire l’acquisizione di posizioni e modalità più efficaci nel regolare la relazione col figlio, nel leggere e nel rassicurare i suoi bisogni affettivi, per liberarlo dalla necessità di usare inconsapevolmente il “sintomo” di disagio come richiesta di aiuto.

Dott. Petrini Alessandro

Il dottor Alessandro Petrini è Psicologo, Psicoterapeuta e Sessuologo Clinico. Si è specializzato in Psicoterapia Cognitiva a Torino
Chiudi il menu